INFOGRAFICHE E IL LEONARDO DA VINCI DEI DATI

Negli ultimi giorni nelle mie ricerche, mi è capitato spesso di trovare delle infografiche su tematiche e argomenti di cui cercavo contenuti e immagini in particolare sull’evoluzione del Mobile e dell’impatto dei Social Network.

L’infografica (information graphic) consiste nella rappresentazione visuale sintetica e chiara di informazioni complesse, dati statistici, concetti e contenuti  attraverso l’uso di diversi elementi di grafica e visual design.

infografica-infografiche-infographic

Negli ultimi anni sono stati pubblicate online tantissime infografiche reperibili molto facilmente su web, e si è diffuso come fenomeno  di comunicazione virale, per spiegare semplicemente e divulgare velocemente le statistiche di crescita esponenziale di molti fenomeni della digital economy o la storia di aziende e prodotti legati per esempio allo sviluppo esplosivo dei social network e delle aziende protagoniste di questa rivoluzione economica e sociale.

social media leader

Oggi molte rinomate aziende che si occupano di analisi e studio dei dati come Gartner IDC e Nielse Online in testa, usano frequentemente la pubblicazione delle infografiche per divulgare le previsioni statistiche dei vari Trends per i prossimi anni, e molte testate di Tech Information hanno seguito l’onda come TechCrunch – Mashable – HackerNews – GigaOm – Gizmodo – Smashing Magazine.

Ma le infografiche oggi vengono anche in altro contesti della comunicazione digitale e qui ne vediamo un esempio significativo e divertente sulla Serie Tv DEXTER e le sue vittime …

Infografica Dexter

Questo fenomeno comunque si è diffuso anche in ambito web marketing e spesso le infografiche vengono oggi utilizzate per divulgare i dati del proprio settore e beneficiarne in brand awareness semplicemente dalla firma di un’infografica divulgativa, come dire un modo sottile innovativo e professionale di farsi riconoscere sul mercato come un player di riferimento.

Oggi i format di design dell’infografica sono anche utilizzati nel web design per creare siti web di ultima generazione da fruire in scorrimento verticale od orizzontale e io in particolare sto utilizzatando  l’infografica come strumento di content management e digital communication per la pubblicazione e la disrtibuzione sui social network  e sui sistemi di content sharing.

Insomma le infografiche in questo momento sono cool a fanno tendenza nella digital communication.

Ma chi ha iniziato e creato questo fenomeno?

Edward Tfte durante una lezione in Università

Edward Tufte – Lezione all’Università di Yale

La risposta è EDWARD TUFTE, uno straordinario personaggio poliedrico, statistico e scultore considerato un pioniere in quest’ambito, è stato soprannominato il Leonardo da Vinci dei dati dal New York Times e il Galileo della grafica dal BusinessWeek come recita la sua biografia su Wikipedia che consiglio di leggere.

Le idee di Tufte su una corretta rappresentazione visuale vengono riassunte dal principio di Feynman-Tufte:

« “una rappresentazione visuale di dati dovrebbe essere abbastanza semplice da stare sul portellone di un furgone”.

Questo principio ribadisce che un corretta rappresentazione visuale deve essere semplice da leggere anche in una forma molto compatta.

Ad Edward Tufte si deve l’invenzione delle Small Multiple, ovvero delle piccole rappresentazioni di immagini multiple visualizzate tutte insieme, così da permettere immediatamente e in parallelo al lettore  lo sviluppo progressivo di concetti.

Appunti di Edward Tufte

The new House of Representatives

Edward Tufte Infographic

World economic forum

design,edwardtufte,infographic,

Copertina Libro ET: The cognitive Style of Powerpoint

Nel saggio The cognitive Style of PowerPoint, Tufte critica alcune proprietà e alcuni tipici usi di Microsoft PowerPoint come ad esempio:

  • Tabelle e grafici inutili e semplicistici dovuti alla bassa risoluzione dello schermo;
  • Poco spazio per riflessione e presentazione di dati;
  • Spazio sprecato per loghi, immagini, firme etc;
  • Gerarchie molto forti nella presentazione delle informazioni;
  • Rapida successione di frammenti di informazione invece di un’analisi articolata;
  • I titoli delle singole pagine non corrispondono ai contenuti;

Tufte inoltre deride i grafici tridimensionali, la diapositiva di PowerPoint stereotipata ed i modelli di struttura, forniti da tutti gli strumenti Microsoft per preparare grafici o diagrammi che a suo dire intorpidiscono il cervello.

Insomma Edward Tufte è sicuramente un personaggio che sicuramente ha lasciato il segno.

Sergio Curadi

Dal 1984 mi occupo di comunicazione attraverso i new media digitali e, lavorando in questo settore da tanti anni, ho visto nascere ed evolvere la comunicazione digitale sin dalla commercializzazione dei primi personal computer e dal successivo avvento di internet. Amo il mio lavoro e lo porto avanti con grande impegno e passione! Ho partecipato attivamente nel mio piccolo, a questa grande trasformazione economica e culturale come imprenditore creando una delle prime e storiche Multimedia Factory Italiane la EQUART che ho guidato per quasi 20 anni coordinando e realizzando innumerevoli progetti, produzioni ed eventi multimediali. Negli ultimi anni ho svolto attivamente il ruolo di General Manager e Innovation Manager in diverse società specializzate nella Digital Communication attivando degli Innovation LAB. Da fine 2013 sono entrato in SATIZ Technical Publishing & Multimedia come Direttore della Divisione Multimedia Communication. A fine 2014 ho ideato e realizzato con il mio team di SATIZ TPM "IOTEXPO", il 1° Virtual Expo dell'Internet of Things. Da gennaio 2014 sto lavorando allo sviluppo della piattaforma IOTEXPO per la mappatura e la catalogazione di tutti i progetti, le soluzioni, i prodotti e le aziende che si occupano di IoT e a diversi nuovi progetti di comunicazione crossmediale. Da settembre ho affiancato all'attività IOTEXPO, anche INTERNET OF ARTISTS la nuova Startup inglese che sta sviluppando un progetto di una piattaforma digitale innovativa per far interagire le communities di artisti e musicisti nel mondo.

 

 

 

 

Thanks! You've already liked this
No comments