L’INNOVAZIONE SECONDO BURBERRY

Burberry logo

BURBERRY si è aperta da tempo al mondo del digitale raggiungendo dati straordinari : il suo account su Twitter è tra i più seguiti, la pagina Facebook conta a oggi 14.960.151 fan e ha un canale Youtube dedicato con  23.468.453 di view alimentato costantemente da video delle collezioni e di altre iniziative.

Ma questi sono solo i dati più visibili di una strategia di rilancio che parte da lontano in particolare dalla fine anni degli anni ’90 quando Christopher Bailey divenne il direttore creativo e soprattutto dal 2006 da quando Angela Ahrendts fu chiamata a dirigere Burberry in qualità di CEO.

 

Burberry Ceo Angela Ahrendts

Burberry Ceo Angela Ahrendts

Avevo già scritto dei post nel 2010 su BURBERRY Burberry la prima sfilata in 3D – perchè proprio nel mese di marzo del 2010, Burberry ha realizzato il primo a simulcast delle sfilate in 3-D e ha invitato di Elle Joe Zee e il blogger Bryanboy a prendere in consegna l’ account Twitter  durante la presentazione della collezione Prorsum luxe.

La 1.ma sfilata di Burberry ripresa e trasmessa in 3D

La 1.ma sfilata di Burberry ripresa e trasmessa in 3D

Nel mese di settembre 2010, durante la sfilata eBurberry live-streaming, sono stati i primi  a consentire  di ordinare immediatamente i capi  appena sfilati in passerella tramite iPad dati in dotazione agli Stores –  Come iPad entra negli Store Burberry .

iPad negli store Burberry

iPad negli store Burberry

Nel 2011 BURBERRY è arrivata al 13° posto nella classifica delle 50 aziende più innovative nel mondo.

BURBERRY infatti è sicuramente fra i Luxury Brands, quello che si è maggiormente distinto per aver  sviluppato una vera strategia multicanale, attraverso una serie progressiva di iniziative coordinate, per raggiungere e ottenere un posizionamento sul web e sui social network di prim’ordine, finalizzato ad aumentare la brand awareness, a fidelizzare i clienti e a ingaggiare costantemente i fans con modi completamente diversi, ma sempre attraverso un progetto integrato.

Burberry Social Image

Per arrivare a raggiungere questi obiettivi, da qualche anno ha implementato una vera e propria piattaforma social enterprise  per gestire e organizzare tutti i contenuti digitali e per fornire esperienze a supporto sia dei dipendenti che dei clienti.

In questo video Angela Ahrendts  racconta come l’azienda si è progressivamente trasformata, nel processo di inovazione, grazie agli strumenti di comunicazione, interni (i collaboration tools x la pianificazione dell’area commerciale) ed esterni (tools social media x l’area marketing).

L’obiettivo era l’integrazione totale fra l’azienda, i dipendenti, i clienti e il brand.

Volevamo consentire ai clienti di accedere senza limiti a Burberry usando qualsiasi dispositivo e da qualsiasi luogo”.

“I clienti potranno apprezzare al meglio il brand e la cultura aziendale con qualsiasi metodologia di interazione. Chiunque può visitare Burberry World e condividere la straordinaria avventura intrapresa da Burberry”.

“Bisogna stabilire una connessione con tutte le persone che entrano in contatto con il nostro marchio”.

A mio avviso è una delle migliori case histories, se non la migliore in assoluto, nel settore Fashion-Luxury, dove BURBERRY ha saputo cogliere i benefici dell”innovazione digital declinandoli progressivamente attraverso un sapiente kit  di iniziative, eventi applicazioni per dare ai propri clienti una brand experience assolutamente unica.

BURBERRY rappresenta oggi, sicuramente, un modello di riferimento, per come si implementa e si declina una strategia di Brand Asset Management completa a 360°, e come si crea un costante rapporto con i clienti usando in maniera intelligente i social media.

Thanks! You've already liked this
No comments